Contro la desertificazione, per il Togo l’esempio del Niger
martedì 14 ottobre 2008 ore 9:39

Per studiare i metodi di lotta alla desertificazione e il recupero di terre degradate, favorendo allo stesso tempo l’aumento dell’occupazione giovanile, una delegazione del governo togolese guidata dal ministro dell’Ambiente, Kossivi Ayikoe, si è recata nella piana di Bougoum, in Niger. “Siamo molto sorpresi – ha detto Ayikoe – dai risultati ottenuti nella regione di Bougoum: è un’esperienza positiva tanto sul piano del ripristino ambientale quanto della lotta alla povertà attraverso la creazione di nuovi posti di lavoro destinati ai più giovani”. Tra le opere compiute, il rimboschimento delle rive del fiume Niger e di altre zone per proteggere i terreni dall’erosione e iniziative per migliorare la gestione collettiva delle risorse idriche. Secondo il ministro togolese dell’Ambiente, il progetto realizzato nella piana di Bougoum è un esperimento che deve ispirare le future azioni da compiere in Togo: “Sono più di 133.000 – ha sottolineato Ayikoe – le persone impiegate nei cantieri e nelle opere legate al ripristino ambientale in Niger e finora i lavori hanno consentito il recupero all’agricoltura e alla pastorizia di oltre 18.000 ettari di terre considerate degradate”. [MV] [CO]